Storia

È il 1860 quando Stefano Pernigotti apre una rinomata drogheria nel centro di Novi Ligure. Da subito la sua produzione dolciaria riscuote grande successo e nel 1868 Stefano, insieme al figlio, fonda la società Pernigotti & Figlio, dando vita così ad una fabbrica che diventerà presto un punto di riferimento per la città. La qualità eccellente e la sapienza artigiana applicate a grandi numeri vengono premiate nel 1882 con l’onorificenza dello stemma reale, che rende la società fornitore ufficiale della Real Casa. Agli inizi del ‘900 l’azienda si conferma come una delle più importanti del settore, con macchinari all’avanguardia e ricette sempre più pregiate.
Nel 1914, con l’inizio della I Guerra Mondiale, viene proibito l’uso dello zucchero nella preparazione di prodotti dolciari. Con intuizione e maestria, Paolo Pernigotti modifica allora la ricetta del Torrone, sostituendo lo zucchero con una quantità di miele più concentrata, ottenendo così un prodotto dal gusto e dalla consistenza unici.
Il 1927 è un anno di svolta per l’azienda. Ha inizio infatti la produzione del grande classico della tradizione dolciaria piemontese: il Gianduiotto.
Nel 1936 viene avviata la produzione di creme per gelati, che in seguito acquisiranno quote sempre maggiori, qualificando Pernigotti tra le maggiori aziende del settore.
A partire dagli anni ’70 l’azienda gestisce una gamma di prodotti estesa nei gusti, nelle forme e nei sapori e diventa una delle principali protagoniste nel mercato dei cioccolatini - con Gianduiotto e Cremino - e delle barre di cioccolato - con Pepitas e Nocciolato. Negli anni l’azienda consolida la propria identità, rivisita la propria gamma di prodotti nei gusti e nei formati e reinterpreta il proprio ventaglio di creazioni diventando leader nel segmento del Gianduia ed arrivando a festeggiare i suoi 150 anni di attività.